Didattica

Cerca

Login

IAFN

Iscriviti alla nostra News Letter

Home Sentenze
Sentenze
Cassazione Civile, n. 11727 del 15 /0513, - Turni di reperibilità: diritto al riposo compensativo PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Maggio 2014 13:08

Sul tema del riposo compensativo dopo servizio di pronta disponibilità, chiamato comunemente reperibilità, avevamo già pubblicato questo corposo articolo, tanto da doverlo rendere disponibile in 2 trance. Parte 1 - Parte 2

Con la sentenza proposta oggi ribadiamo il diritto al lavoratore al riposo compensativo dopo servizio di pronta disponibilità.


Fatto



1. Con sentenza del 19 maggio 2008, la Corte d'Appello di Salerno respingeva il gravame svolto da G.G.G. contro la sentenza di primo grado che aveva rigettato la domanda di risarcimento del danno proposta nei confronti della ASL/3 Salerno per aver effettuato turni di reperibilità passiva in giorni festivi senza godere di un giorno di riposo compensativo nella settimana successiva.

2. La Corte territoriale, ricostruita la normativa in tema di diritto al riposo compensativo del dipendente distolto dal godimento del diritto al riposo nei giorni festivi perché obbligato alla messa a disposizione delle energie lavorative in vista di una possibile chiamata in servizio, poi non realizzatasi (cd. reperibilità passiva), riconosceva il diritto soggettivo perfetto al riposo, in nessun modo condizionato ad un'espressa domanda da parte del dipendente, con corrispondente obbligo dell'amministrazione di consentirne la fruizione; negava il diritto al risarcimento del danno da usura psico-fisica subita, per non avere la parte assolto l'onere di allegare, e provare, il pregiudizio sofferto e la sua dipendenza causale.

3. Avverso l'anzidetta sentenza della Corte territoriale, G.G.G. ha proposto ricorso per cassazione fondato su due motivi, illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c. L'intimata ha resistito con controricorso e proposto ricorso incidentale condizionato fondato su un unico motivo.

Diritto



4. Preliminarmente va disposta la riunione dei ricorsi, ex art. 335 c.p.c, perché proposti avverso la medesima sentenza.

5. Con il primo motivo di ricorso il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell'art. 8, comma 5, del d.P.R. 270/1987 e art. 7, comma 6 CCNL 20/9/2001 integrativo del CCNL del Comparto Sanità del 7/4/1999; degli artt. 32, 36 terzo comma, 41 Cost.; delle Convenzioni OIL 19/11/1921, n.14 e 26/6/1957, n.106; dell'art.5 della direttiva 93/104/CE; degli artt. 2109, primo comma e 2087 c.c.; dell'art. 9, d.lgs. 66/2003. Si censura la decisione impugnata per aver violato il diritto costituzionalmente garantito al riposo compensativo e all'integrità psico-fisica del lavoratore e per non aver considerato che il danno da usura psico-fisica va rapportato alla prestazione lavorativa effettuata nel giorno destinato al riposo compensativo onde è la stessa violazione del diritto al riposo produttiva di un danno, da usura psicofisica, assistito da presunzione assoluta nell'an. Il motivo si conclude con la formulazione del quesito di diritto.

6. Con il secondo motivo si denuncia violazione degli artt. 2697, 2727 e 2729 c.c., in materia di prova per presunzioni e fatti notori, per non aver la Corte di merito ritenuto assolta, dal ricorrente, la prova, per presunzioni e notorio, dell'esistenza del danno da usura psico-fisica per la mancata concessione del giorno di riposo compensativo. Il motivo si conclude con la formulazione del quesito di diritto.

7. Con l’unico motivo del ricorso incidentale condizionato, l’Azienda Sanitaria Locale di Salerno censura la sentenza impugnata per l'erronea riforma della decisione del primo Giudice che, correttamente, aveva interpretato le invocate disposizioni collettive nel senso che esse attribuivano al sanitario soltanto un diritto potestativo di seguire una prestazione lavorativa diversa nell'articolazione temporale a fronte della quale l'amministrazione sanitaria avrebbe solo dovuto prendere atto della volontà del dipendente e concordare, compatibilmente con le esigenze di servizio, il giorno da destinare al riposo e la concreta distribuzione delle maggiori ore di lavoro durante gli altri giorni della settimana. Né il sanitario aveva mai esercitato il diritto postulato dalla norma ad ottenere il riposo compensativo, onde non sussistevano le condizioni per il diritto a monetizzare il riposo compensativo mai richiesto alla Direzione sanitaria. Il motivo si conclude con la formulazione del quesito di diritto.

8. Il ricorso principale è infondato, con conseguente assorbimento di quello incidentale condizionato.

9. È pacifico, in fatto, che il servizio di reperibilità è stato richiesto alla parte ricorrente in giornate domenicali, che il lavoro in detto giorno festivo non è stato mai effettivamente prestato, che la reperibilità è stata compensata, alla stregua della disciplina collettiva applicabile, con apposita indennità e che il giorno di riposo compensativo previsto da tale disciplina non è stato fruito.

10. Ciò premesso in fatto, sì discute se il lavoratore abbia comunque diritto ad un particolare ristoro per il danno, definito di natura psicofisica, conseguente al mancato godimento del giorno di riposo compensativo.

11. Questa Corte ha già avuto modo di esaminare, in più occasioni, controversie analoghe alla presente - sia quanto alla situazione di fatto rappresentata che con riguardo alla disciplina collettiva applicabile -con la recente sentenza del 19 novembre 2008 n. 27477 e, da ultimo, con la sentenza n. 14288 del 2011 e numerose conformi coeve, rese nei confronti dell'azienda sanitaria salernitana.

12. In adesione a tali precedenti, va pertanto ribadito che la reperibilità prevista dalla disciplina collettiva si configura come una prestazione strumentale e accessoria, qualitativamente diversa dalla prestazione di lavoro, consistente nell'obbligo del lavoratore di porsi in condizione di essere prontamente rintracciato in vista di un'eventuale prestazione lavorativa.

13. Non equivalendo, pertanto, ad un'effettiva prestazione lavorativa, il servizio di reperibilità svolto nel giorno destinato al riposo settimanale limita soltanto, senza escluderlo del tutto, il godimento del riposo stesso, come rilevato anche dalla sentenza impugnata, e comporta il diritto ad un particolare trattamento economico aggiuntivo stabilito dalla contrattazione collettiva o, in mancanza, determinato dal Giudice.

14. Nel caso in esame la reperibilità è stata compensata con apposita indennità e su di essa non vi è discussione tra le parti. Il diritto (ulteriore) ad un giorno di riposo compensativo in relazione al servizio di pronta reperibilità prestato in giorno festivo senza effettiva prestazione di lavoro è previsto, nel caso in esame, dalla normativa collettiva applicata.

15. Tale diritto non trova la sua fonte nell'art. 36 Cost. o nelle normative internazionali invocate, che prevedono il diritto (inderogabile) al riposo settimanale in relazione ad attività lavorativa effettivamente prestata e non ad altre obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro; la pronta reperibilità, pur essendo, infatti, un'obbligazione che trova causa nel rapporto di lavoro, non può essere equiparata alla prestazione effettiva di attività di lavoro, in quanto è di tutta evidenza che la mera disponibilità all'eventuale prestazione incide diversamente sulle energie psicofisiche del lavoratore rispetto al lavoro effettivo e riceve una diversa tutela dall'ordinamento.

16. . Nella specie, il diritto in esame trova la sua fonte nell'art. 18, quinto comma, del D.P.R. n. 270 del 1987 (contenente, ai sensi della legge 29 marzo 1983 n. 93, norme risultanti dalla disciplina prevista dall'accordo sindacale, per il triennio 1985-1987, relativa al comparto del personale dipendente del servizio sanitario nazionale) e successivi analoghi fino (per quanto interessa la fattispecie in esame) all'art. 7, comma 6° del contratto collettivo 20 settembre 2001 integrativo del C.C.N.L. per il personale del comparto sanità del 7 aprile 1999, secondo cui "nel caso in cui la pronta disponibilità cada in un giorno festivo, spetta un riposo compensativo senza riduzione del debito orario settimanale".

17. In forza di tale disposizione, il dipendente in servizio di pronta reperibilità in giornata festiva, che non abbia reso alcuna prestazione lavorativa, ha diritto ad un giorno di riposo compensativo ma non alla riduzione dell'orario di lavoro settimanale, con la conseguenza che è tenuto a recuperare le ore lavorative del giorno di riposo ridistribuendole nell'arco della settimana.

18. Questa diversa distribuzione dell'orario settimanale di lavoro può essere, per il dipendente, più o meno vantaggiosa (tanto che la precedente citata decisione di questa Corte ha valutato che sia necessaria la richiesta del lavoratore di poterne fruire, come sostenuto anche dalla ricorrente incidentale) e, corrispondentemente, il mancato riposo compensativo e quindi il rispetto dell'orario settimanale "non rimodulato" può o non essere causa di un danno, in ipotesi, di tipo psico-fisico, nel caso in esame denunciato dal ricorrente principale che ne chiede il risarcimento.

19. In proposito, va anzitutto ricordato che il danno da usura psico-fisica, rivendicato nel caso di specie, in contrasto con la pronuncia dei giudici dell'appello, si iscrive, secondo la più recente giurisprudenza di questa Corte (ex multis, Cass. S.U. 24 marzo 2006, n. 6572 o 11 novembre 2008, n. 26972), nella categoria unitaria del danno non patrimoniale causato da fatto illecito o da inadempimento contrattuale e la sua risarcibilità presuppone la sussistenza di un pregiudizio concreto patito dal titolare dell'interesse leso, sul quale grava, pertanto, l'onere della relativa specifica deduzione e della prova (anche attraverso presunzioni semplici).

20. Un tale onere di deduzione e prova appare tanto più stringente nel caso, come quello esaminato, in cui la previsione del riposo compensativo non sia mirata a ricostruire le energie psico - fisiche compromesse dall'effettuazione della prestazione lavorativa nel giorno destinato al riposo settimanale e comporti unicamente una diversa distribuzione dell'orario settimanale di lavoro.

21. La sentenza impugnata, avendo fatto applicazione del suddetto principio al caso in esame, col ritenere non assolto da parte della ricorrente l'onere di dedurre e provare l'esistenza e consistenza del danno affermato come subito non merita, pertanto, le censure di cui al primo motivo di ricorso che va, pertanto, respinto.

22. Il secondo motivo è manifestamente infondato, in quanto pretende di rimettere inammissibilmente in discussione le congrue, ragionevoli argomentazioni della Corte territoriale a sostegno dell'accertamento circa l'assenza, nel ricorso introduttivo del giudizio, di specifiche deduzioni, anche probatorie, relativamente alla sussistenza di un pregiudizio concreto nascente dalla pretesa violazione dell'obbligo di assicurare al dipendente comandato in servizio di reperibilità "passiva" un giorno di riposo compensativo, senza riduzione del debito orario settimanale.

23. Concludendo, il ricorso principale va pertanto respinto, con conseguente assorbimento di quello incidentale.

24. Il regolamento delle spese di questo giudizio di cassazione si uniforma al criterio della soccombenza sostanziale e la relativa liquidazione è effettuata in dispositivo.

P.Q.M.


Riunisce i ricorsi, rigetta il ricorso principale, assorbito l'incidentale. Condanna il ricorrente principale al pagamento delle spese di questo giudizio, liquidate in euro 50,00 per esborsi, oltre euro 2.500,00 per compensi professionali, oltre accessori di legge.

 
Straordinario non autorizzato: spetta al lavoratore l'onere della prova PDF Stampa E-mail
Lunedì 05 Maggio 2014 09:33

IL LAVORO STRAORDINARIO NON AUTORIZZATO: CASS., SEZ. LAV. N. 3194/2009


I problemi pratici dettati dalle prestazioni di lavoro straordinario non richiesto dal lavoratore al prestatore: la recente giurisprudenza ha ritenuto di onerare il lavoratore della relativa prova in ordine alla quantità ed alla qualità del lavoro prestato.


Contestazioni si pongono tutte le volte in cui il datore non abbia mai richiesto della prestazione il lavoratore, ma questa sia prospettata, a parte prestatoris, come realizzata in favore dell’impresa. 
Ebbene, in difetto di prova di prestazione di lavoro straordinario in misura maggiore a quello indicato in busta - paga, da assolversi rigorosamente dal lavoratore, vale quanto risulta da quest’ultima, come ha sostenuto, sul punto, Cass., sez. lav., 29 febbraio 2009, n. 3194, con massima del seguente tenore:
«E’ onere del lavoratore che pretenda un compenso per lavoro straordinario provare la relativa prestazione e, quando egli ammetta bensì di esserne stato remunerato ma assuma l’insufficienza della remunerazione, anche di provare la quantità del lavoro effettivamente svolto, senza che eventuali ma non decisive ammissioni del datore di lavoro possano portare ad un’inversione dell’onere della prova».


Conff., in tema, idd., 21 gennaio 1993, n. 739, nonché 1 settembre 1995, n. 9231.  
Il rigore probatorio in subiecta materia, impone l’assolvimento del relativo onere in capo al dipendente, e non già un’inammissibile inversione a suo favore, ed a carico del datore.

Concludendo, l’orientamento in esame ha tenuto fermo l’onere del lavoratore che pretenda un compenso per lavoro straordinario, della prova della relativa prestazione su cui fondi il diritto.

Con l’importante precisazione che, ammessa da lui la circostanza della remunerazione, ma, al contempo, dolendosi questi dell’insufficienza della remunerazione, gli correrà, aggiuntivamente, l’obbligo di provare la quantità di lavoro effettivamente svolto, e ciò senza che giammai eventuali ammissioni del datore di lavoro possano portare ad esentarlo dall’onere ex art. 2697 c.c. 
Né sarebbe giuridicamente congruo, conclude la sezione lavoro, rimettere al giudice la stima equitativa (ex art. 1226 c.c.) del corrispettivo del lavoro straordinario in oggetto, operazione ermeneutica giustificata solo quando sia provata nell’an – e non meramente probabile –, la prestazione di lavoro straordinario in contestazione.

 
Ridotta attività colpa dell'azienda? Niente licenziamento per rifiuto mansioni inferiori PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Marzo 2014 14:52

Quante volte ci siamo sentiti dire, specialmente negli ambulatori, che dovevamo svolgere determinate mansioni, assolutamente non pertinenti all'ambito infermieristico, in quanto avevamo un carico di lavoro scarso e che quindi dovevamo “riempire” il tempo lavoro?

La Cassazione, con sentenza n. 1693 del 24 gennaio 2013, la pensa diversamente.

"Il rifiuto, da parte del lavoratore subordinato, di svolgere la prestazione lavorativa (ad esempio in caso di adibizione a mansioni inferiori) può essere legittimo e quindi non giustificare il licenziamento in base al principio di autotutela nel contratto a prestazioni corrispettive enunciato dall'art. 1460 cod. civ., sempre che il rifiuto sia proporzionato all'illegittimo comportamento dei datore di lavoro e conforme a buona fede".

Questo il senso della sentenza di rigetto del ricorso proposto da una società avverso la sentenza con cui la Corte d'Appello, ritenendo illegittimo il licenziamento, aveva ordinato la reintegra di un lavoratore licenziato per giusta causa per mancato rispetto dell'orario di lavoro.

Il lavoratore però è riuscito a dimostrare la dequalificazione professionale, per cui l'azienda lo aveva costretto ad una totale cessazione delle mansioni, cui erano seguite assegnazioni di compiti e mansioni demansionanti e che lo impiegavano per così poco tempo al giorno da far procedere l'azienda stessa al licenziamento.
Sempre la Cassazione precisa che “uno stato di forzata inattività, imputabile al datore di lavoro, pur senza legittimare un rifiuto del lavoratore di adempiere alla propria prestazione, può tuttavia aver contribuito a determinare una situazione di inadempimento del lavoratore e, dunque, ben può essere preso in considerazione per un ridimensionamento della gravità dell'inadempimento stesso”


Confermate anche le deduzioni della Corte di Appello che aveva dichiarato: "il tempo trascorso fino alla contestazione fosse in contrasto con la regola della buona fede e della correttezza nell'attuazione del rapporto di lavoro.

In particolare, ha ritenuto che, trattandosi nella specie di più fatti tutti autonomamente suscettibili di sanzione disciplinare (e, dunque, non di comportamenti necessitanti di una valutazione unitaria in quanto convergenti a comporre un'unica condotta), ha considerato che la mancanza di una tempestiva contestazione delle singole infrazioni operasse quale fonte di una presunzione che si trattasse di un comportamento tollerato.".

Riassumendo la Suprema Corte:

il dipendente che a causa di una decisione aziendale, è costretto a ridurre o addirittura cessare le proprie competenze specifiche, non può essere licenziato se rifiuta di compiere mansioni inferiori.

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Marzo 2014 14:58
 
Cassazione Penale – (per giustificare la malattia falsifica la firma del medico: falso e truffa) PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Marzo 2014 07:39

La Corte d’appello di Venezia, in parziale riforma di una sentenza del Tribunale di Vicenza impugnata dall’imputato accusato di truffa e falso ai danni della pubblica amministrazione perché in qualità di pubblico impiegato, mediante artifici e raggiri consistiti nel rappresentare falsamente di essere malato, non prestava la propria attività lavorativa pur facendosi corrispondere la retribuzione - ha dichiarato non doversi procedere nei confronti dell'imputato con riguardo a talune fattispecie di truffa e di falso ormai prescritte, confermando per il resto la penale responsabilità per altri e più recenti episodi e conseguentemente rideterminando la pena.

La Corte di Cassazione chiamata a decidere in via definitiva, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dall’imputato osservando la correttezza delle conclusioni cui erano giunti i giudici dell’appello che avevano affermato la penale responsabilità dell'imputato in ragione della perizia di ufficio con cui era stata accertata la falsità delle firme apposte sui certificati medici nella quasi totalità dei casi e in ragione della deposizione del medico, il quale ha disconosciuto gran parte delle sottoscrizioni.

 
Licenziamento disciplinare: il principio di tempestività spiegato dalla Suprema Corte di Cassazione. PDF Stampa E-mail
Lunedì 10 Marzo 2014 08:17

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza 8 gennaio - 27 febbraio 2014, n. 4724.

Con sentenza del 11.3.2011, la Corte di appello di Roma dichiarava l'illegittimità del licenziamento intimato ad un dipendente di un noto istituto di credito italiano, per aver quest'ultimo, in qualità di proprio datore di lavoro, formalizzato una contestazione disciplinare senza, tuttavia, rispettare il principio di tempestività come disciplinato dall'art. 7 d.p.r. 300/1970, con conseguente condanna dello stesso alla  reintegrazione del predetto nel posto di lavoro ed al risarcimento del danno commisurato alle retribuzioni globali dal recesso alla reintegra.

Invero, l'azienda datrice di lavoro, effettuata una visita ispettiva nei confronti del proprio dipendente, aveva provveduto solo a distanza di 3 mesi a formalizzare la contestazione disciplinare che, come giustamente osservato dai giudici di merito, "non poteva ritenersi giustificata in quanto non idonea a garantire un'efficace esplicazione del diritto di difesa dell'interessato, in considerazione dell'epoca risalente di commissione dei fatti addebitati".

A proporre ricorso dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione l'istituto di credito.

Sanzioni disciplinari - art. 7 D.p.r. 300/70. Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Esse devono applicare quanto in materia è stabilito da accordi e contratti di lavoro ove esistano.

Il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore senza avergli preventivamente contestato l'addebito e senza averlo sentito a sua difesa.

(...) In ogni caso, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale non possono essere applicati prima che siano trascorsi cinque giorni dalla contestazione per iscritto del fatto che vi ha dato causa.

Salvo analoghe procedure previste dai contratti collettivi di lavoro e ferma restando la facoltà di adire l'autorità giudiziaria, il lavoratore al quale sia stata applicata una sanzione disciplinare può promuovere, nei venti giorni successivi, anche per mezzo dell'associazione alla quale sia iscritto ovvero conferisca mandato, la costituzione, tramite l'ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, di un collegio di conciliazione ed arbitrato, composto da un rappresentante di ciascuna delle parti e da un terzo membro scelto di comune accordo o, in difetto di accordo, nominato dal direttore dell'ufficio del lavoro. La sanzione disciplinare resta sospesa fino alla pronuncia da parte del collegio.

(...) Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro applicazione.

Questo è quanto disposto dall'art. 7 cit. dello Statuto dei lavoratori. E, su di esso l'intervento della Cassazione.

«Rileva il collegio che la tempestività della contestazione di cui all'art. 7, secondo comma, legge n. 300 del 1970, va valutata in relazione al momento in cui i fatti a carico del lavoratore, costituenti illecito disciplinare, appaiono ragionevolmente sussistenti. Quando il fatto costituente illecito disciplinare ha anche rilevanza penale, il principio dell'immediatezza della contestazione non può considerarsi violato ove il datore di lavoro, in assenza di elementi che rendano ragionevolmente certa la commissione del fatto da parte del dipendente, porti la vicenda all'esame del giudice penale, sempre che lo stesso si attivi non appena la comunicazione dell'esito delle indagini svolte in sede penale gli faccia ritenere ragionevolmente sussistente l'illecito disciplinare, non dovendo egli attendere la conclusione del processo penale (cfr. Cass. 27.3.2008 n. 7983). Giova, poi, al riguardo, anche osservare, con riferimento ai requisiti che qualificano la tempestività della contestazione e della sanzione disciplinare, come questa Suprema Corte abbia ribadito che il principio tanto dell'immediatezza della contestazione dell'addebito, quanto della tempestività del recesso, la cui ratioriflette l'esigenza del rispetto della regola della buona fede e correttezza nell'attuazione del rapporto di lavoro, oltre che dei principi di certezza del diritto e di tutela dell'affidamento del lavoratore incolpato, deve essere inteso in senso relativo, potendo essere compatibile con un intervallo necessario, in relazione al caso concreto e alla complessità dell'organizzazione del datore di lavoro, ad una adeguata valutazione della gravità dell'addebito mosso al dipendente e delle giustificazioni da lui fornite.

Più in particolare, si è affermato che, nel valutare l'immediatezza della contestazione ai fini dell'intimazione del licenziamento disciplinare, occorre tener conto dei contrapposti interessi del datore di lavoro a non avviare procedimenti senza aver acquisito i dati essenziali della vicenda e del lavoratore a vedersi contestati i fatti in un ragionevole lasso di tempo dalla loro commissione; con la conseguenza che l'aver presentato a carico di un lavoratore denuncia per un fatto penalmente rilevante, connesso con la prestazione di lavoro, non consente al datore di lavoro di attendere gli esiti del procedimento penale prima di procedere alla contestazione dell'addebito, dovendosi valutare la tempestività di tale contestazione in relazione al momento in cui i fatti a carico del lavoratore medesimo appaiono ragionevolmente sussistenti (v. ad es. Cass. n. 1101/2007; Cass. n. 4502/2008)».

«Il che - aggiunge - , se conferma la relatività che riveste il criterio di immediatezza e il rilievo che assume, al riguardo, il sindacato del giudice di merito, porta, al tempo stesso, a riconoscere che un bilanciamento coerente degli interessi sottesi al procedimento di disciplina non consente di individuare nella potenziale rilevanza penale dei fatti accertati e nella conseguente denuncia all'autorità inquirente circostanze di per sé sole esonerative dall'obbligo di immediata contestazione, in considerazione della rilevanza che tale obbligo assume rispetto alla tutela dell'affidamento e del diritto di difesa del lavoratore incolpato, sempre che i fatti riscontrati facciano emergere, in termini di ragionevole certezza, significativi elementi di responsabilità a carico del lavoratore. E quindi, in altri termini, solo se l'intervallo di tempo trascorso sia giustificato non dalla necessità di un accertamento integrale e compiuto del fatto, ma dall'esigenza per il datore di lavoro di acquisire conoscenza della riferibilità del fatto, nelle sue linee essenziali, al lavoratore medesimo (cfr., in tali termini, Cass. 7409/2010).»

«Nella fattispecie in esame, correttamente la Corte del merito ha ritenuto in violazione del principio di tempestività e quindi tardiva la contestazione disciplinare, (...) non poteva ritenersi giustificata una contestazione effettuata dopo un lasso di tempo non idoneo a garantire un'efficace esplicazione del diritto di difesa dell'interessato, in considerazione dell'epoca risalente di commissione dei fatti addebitati».

«Deve ritenersi, poi, che gravi sul datore di lavoro l'onere di provare, con puntualità, le circostanze che, sulla base del caso concreto, giustificano il tempo trascorso fra l'accadimento dei fatti rilevanti e la loro contestazione, e che, quindi, evidenzino in concreto la tempestività dell'esercizio del potere disciplinare (Cass. n. 1101/2007; Cass. n. 2023/2006)».

«Nel caso considerato, il giudice d'appello ha dato congruamente conto della eccessiva protrazione temporale della vicenda disciplinare, non giustificata neanche dall'esigenza di attesa dello svolgimento di un processo penale, non essendo stato dimostrato che la struttura dell'azienda fosse tale, per le sue dimensioni e per l'articolazione delle procedure interne in materia disciplinare, da giustificare l'attesa di tempi tecnici adeguati (...) (Cass. 13167/2009).

Fonte: StudioCataldi.it

 
No al licenziamento se durante l'assenza per malattia viene visto a caccia PDF Stampa E-mail
Lunedì 10 Marzo 2014 08:11

La Corte di cassazione, con sentenza n. 4869 del 28 febbraio 2014, decidendo in merito al licenziamento di un dipendente con mansioni di autista e guardia giurata, licenziato a seguito di contestazione disciplinare per essere stato visto in abiti da cacciatore in tre giorni in cui era assente dal lavoro per malattia, ha ricordato, come da costante giurisprudenza di legittimità, che "l'espletamento di altra attività, lavorativa ed extralavorativa, da parte del lavoratore durante lo stato di malattia è idoneo a violare i doveri contrattuali di correttezza e buona fede nell'adempimento dell'obbligazione e a giustificare il recesso del datore di lavoro, laddove si riscontri che l'attività espletata costituisca indice di una scarsa attenzione del lavoratore alla propria salute ed ai relativi doveri di cura e di non ritardata guarigione, oltre ad essere dimostrativa dell'inidoneità dello stato di malattia ad impedire comunque l'espletamento di un'attività ludica o lavorativa. La prova della incidenza della diversa attività lavorativa o extralavorativa nel ritardare o pregiudicare la guarigione ai fini del rilievo disciplinare di tale attività nel corso della malattia, è comunque a carico del datore di lavoro.".

Precisano i giudici di legittimità che la Corte d'appello, considerando che, ritenuti veritieri e non contestati i certificati medici di malattia, è rimasta non provata la tesi della datrice di lavoro secondo cui il dipendente, svolgendo attività di cacciatore in giorni in cui era assente per malattia, avrebbe messo a repentaglio la propria salute, ritardando la guarigione e causano il relativo danno al datore di lavoro e non potendo affermarsi che tali episodi incrinino il vincolo fiduciario in modo tale da costituire giusta causa di licenziamento, ha fatto corretta applicazione dei principi di diritto enunciati "sebbene abbia impropriamente tratto conferma della assenza di pregiudizio per il datore di lavoro dal rientro del lavoratore al termine della malattia, circostanza di per sé irrilevante ai fini in questione in quanto l'accertamento della mancanza di pregiudizio va operato ex ante.

Tuttavia permane la mancanza di prova di tale pregiudizio che avrebbe procurato nocumento al datore di lavoro, per cui è comunque esatta la conclusione a cui è pervenuta la Corte territoriale nel ritenere non giustificato l'impugnato licenziamento."

In merito poi alla proporzionalità della sanzione espulsiva, la Suprema Corte ha ricordato il principio secondo cui "il giudizio di proporzionalità tra violazione contestata e provvedimento adottato si sostanzia nella valutazione della gravità dell'inadempimento del lavoratore e dell'adeguatezza della sanzione, tutte questioni di merito che ove risolte dal giudice di appello con apprezzamento in fatto adeguatamente giustificato con motivazione esauriente e completa, si sottraggono al riesame in sede di legittimità. Il giudice dell'appello ha correttamente valutato che l'illecito disciplinare commesso dal lavoratore, per la mancanza di pregiudizio di cui si è detto, non meritasse la sanzione espulsiva per il venir meno del vincolo fiduciario. Tale giudizio, per la sua logicità, si sottrae ad ogni censura di legittimità.".


Fonte: StudioCataldi.it)

 
Il primario esegue male l'intervento? L'aiuto è esente da responsabilità PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Marzo 2014 08:08

 

Nella fattispecie sottoposta al vaglio della Suprema Corte di Cassazione, in composizione penale, il thema decidendum verteva sulla responsabilità di un aiuto primario al quale veniva contestato il reato di cui agli artt. 113 e 590 c.p. per aver partecipato a due interventi chirurgici su un paziente affetto da appendice acuta con successiva emorragia post-operatoria.

Nello specifico, il primo intervento eseguito dal primario aveva leso la milza, ragione per la quale il secondo intervento, praticato sempre nella stessa giornata, era consistito nell'asportazione della stessa con susseguente laparocele al paziente.

Nel primo grado del giudizio, il Tribunale assolveva l'aiuto per non aver commesso il fatto ritenendo, contra, colpevole solo il primario.

In secondo grado, la Corte d'appello Roma dichiarava non doversi procedere nei confronti di tutti gli imputati posto che il reato loro ascritto era estinto per intervenuta prescrizione.Il caso finiva dinanzi alla Quarta Sezione Penale della Cassazione che annullava la sentenza con rinvio.

In particolare, la Corte territoriale - richiamando un orientamento giurisprudenziale sul punto - aveva ritenuto estinto il reato per intervenuta prescrizione con conseguente inapplicabilità nei confronti dell'imputato dell'art.129 co.2 c.p.p. atteso che sullo stesso, nella qualità di aiuto, incombeva il dovere di manifestare il proprio dissenso alla conduzione dell'intervento chirurgico da parte del primario, facendolo, pertanto, rilevare, sul diario clinico del paziente ( Cfr. Cass. Pen., sez. IV, 5 ottobre 2000 n.13212).

In buona sostanza, ciò che la Corte d'Appello di Roma evidenzia in sentenza - rifacendosi al dictum dei Giudici di legittimità - è la pari responsabilità dei componenti di una equipe medica che condividono le stesse scelte terapeutiche.

Ed infatti - sempre secondo quanto statuito dalla Corte territoriale - tali soggetti sono esenti da responsabilità solo ove provvedano a segnalare al primario l'inidoneità o la rischiosità delle scelte suddette.

Diverso, l'iter logico-argomentativo seguito dalla Suprema Corte di Cassazione la quale accoglieva il ricorso proposto dall'aiuto primario atteso che le motivazioni poste alla base della sentenza della Corte d'Appello di Roma risultavano apparenti e, soprattutto, si limitavano ad affermare apoditticamente la responsabilità dell'imputato, senza tenere conto del caso concreto.

Più precisamente, nella fattispecie de qua, non si trattava di "scelte terapeutiche" bensì di un intervento chirurgico; di conseguenza, illogico era il riferimento al "diario clinico", ossia ad un documento nel quale vengono annotate le terapie e le conseguenze delle stesse sul paziente.

Inoltre, nel caso in esame, il "protagonista" ed unico responsabile dell'intervento chirurgico era il primario il quale aveva eseguito personalmente e manualmente l'attività chirurgica e, pertanto, i suoi assistenti non potevano né avrebbero potuto interferire in alcun modo sul suo operato.

Di conseguenza, secondo gli Ermellini, si sarebbe potuta configurare una responsabilità dell'imputato solo ove lo stesso non avesse svolto le proprie mansioni con la dovuta diligenza e perizia ( In tal senso: Cass. Pen. Sez.IV, 9 aprile 2009 n.19755; Cass.Pen.Sez.IV, 26 ottobre 2011 n.46824; Cass.Pen. Sez.IV , 11 ottobre 2007 n.41317).

A ciò, contra, non fa riferimento alcuno la Corte d'Appello di Roma che fa, invece, discendere la responsabilità dell'imputato dalla mera presenza dello stesso durante le operazioni chirurgiche.

 

 

Fonte: www.StudioCataldi.it

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Marzo 2014 10:30
 
Licenziamento disciplinare: legittima l’azione disciplinare successiva alla sentenza PDF Stampa E-mail
Lunedì 03 Marzo 2014 10:00

Un dipendente di azienda ospedaliera, con mansioni di operatore tecnico, ha impugnato il licenziamento comminato dal datore di lavoro. Il lavoratore veniva arrestato per alcuni episodi di usura ed estorsione aggravata e l’azienda lo sospese dal servizio, ma attese la conclusione del processo penale per iniziare l’azione disciplinare.

Il dipendente venne riconosciuto colpevole dei reati ascrittigli e condannato in primo grado alla pena di anni quattro e giorni venti di reclusione oltre la multa. Patteggiò in appello la pena di anni tre e giorni dieci di reclusione oltre 1.600,00 Euro di multa.

Tra i motivi di contestazione avanzati dal lavoratore vi era quello relativo alla tardività con la quale era stata intrapresa  la procedura disciplinare.

Profili giuridici

L'azienda, in base alla normativa di riferimento, può iniziare il procedimento disciplinare per poi sospenderlo in attesa della sentenza che chiude il processo penale, oppure può, dopo aver sospeso cautelarmente il dipendente in relazione al provvedimento di custodia cautelare, attendere l'esito del giudizio penale e quindi una sentenza che accerti il fatto con la forza del giudicato, per iniziare il procedimento disciplinare. Si tratta, in quest’ultimo caso, di una scelta a maggiore garanzia del dipendente, che non può risolversi in una penalizzazione del comportamento prudente dell'azienda e, più a monte, dell'interesse generale che la pubblica amministrazione deve considerare e tutelare.


[Avv. Ennio Grassini – www.dirittosanitario.net]

 
Cassazione Civile – (broncopolmonite asintomatica e morte del minore: scagionato il medico curante) PDF Stampa E-mail
Lunedì 03 Marzo 2014 09:57

Nell’aprile del 2004 i genitori in proprio e nella qualità di eredi del figlio, chiamarono in giudizio dinanzi al tribunale di Milano, il medico curante chiedendone la condanna al risarcimento dei danni per avere cagionato, o contribuito a cagionare, il decesso del minore in conseguenza di un errore diagnostico e terapeutico consistito nella sola somministrazione di farmaci antiemetici, senza procedere ad un esame obbiettivo del torace e dell'apparato respiratorio del piccolo paziente (affetto da carenza immunitaria anticorporale), nonostante questi avesse accusato dapprima astenia e cefalea accompagnata da alcune linee di febbre, poi alcuni episodi di vomito, per spirare, infine, a causa di una polmonite franca lombare.

Il giudice di primo grado, pur essendo stato reso edotto di come l'operato del professionista fosse stato giudicato incensurabile in sede penale, dispose comunque una Consulenza tecnica d'uffico (CTU), all'esito della quale respinse la domanda risarcitoria, sul rilievo, tra l'altro, che il consulente d'ufficio aveva concluso la sua indagine nel senso della totale assenza di qualsiasi responsabilità professionale del sanitario.

La corte di appello di Milano ha confermato la pronuncia favorevole al medico.

I genitori del piccolo, hanno agito dinanzi alla Suprema Corte.

La Cassazione ha confermato il ragionamento seguito dai giudici d’Appello in ordine alla assenza di responsabilità del sanitario sotto il profilo causale, attesa la natura della broncopolmonite che aveva colpito il piccolo, la cui asintomaticità fu tale da rendere insospettabile l'esistenza di un così grave quadro infiammatorio che avrebbe poi interessato il miocardio, cagionando nel giro di pochi giorni l'evento mortale così come verificatosi.

[Avv. Ennio Grassini – www.dirittosanitario.net]

 
Divulgare notizie offensive sul datore di lavoro: giusta causa di licenziamento PDF Stampa E-mail
Venerdì 07 Febbraio 2014 15:16

E' legittimo il licenziamento del dipendente che abbia ripetutamente screditato l'azienda, proferendo espressioni offensive sulla capacità e sulla professionalità del personale.

E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, che consentenza n. 19232 del 14 settembre 2007 ha confermato l’orientamento, già consolidato in materia (plurimis Cass. 23 marzo 2996, n. 6454), in forza del quale in tema dilicenziamento per giusta causa o giustificato motivo, allorquando siano contestati al dipendente diversi episodi, il giudice di merito deve valutarli globalmente, al fine di verificare se la loro rilevanza complessiva sia tale da minare la fiducia che il datore di lavoro deve poter riporre nel dipendente. “La stessa molteplicità degli episodi”, infatti, precisa la Corte, “oltre ad esprimere un'intensità complessiva maggiore dei singoli fatti (e della loro somma aritmetica), delinea una persistenza che è di per sé ulteriore negazione degli obblighi del dipendente, ed una potenzialità negativa sul futuro adempimento di tali obblighi; poiché il singolo comportamento può assumere valore di giusta causa indipendentemente dalla specifica previsione contrattuale, la molteplicità (quale moltiplicazione di singoli fatti pur di per sé soli insufficienti) deve essere valutata anche da questa angolazione (ciò, indipendentemente dal formale rilievo della recidiva)”.

La vicenda, con riferimento alla quale la S.C. ha enunciato detto principio di diritto, è quella di Elena R., licenziata dalla M. Holding S.p.A., struttura sanitaria presso la quale svolgeva l’attività di infermiera “per aver ripetutamente proferitoespressioni offensive sulla capacità e sulla professionalità del personale”.

Orbene, nonostante la condotta tenuta della lavoratrice potesse ritenersi tale dairrimediabilmente la fiducia posta a fondamento del rapporto di lavoro, il Tribunale di di Monza, accogliendo la domanda proposta da Elena R., dichiarò l'illegittimità del licenziamento intimato dalla M. Holding S.p.a. l'8 aprile 2002 e condannò la Società alla reintegrazione nel posto di lavoro ed al risarcimento del danno. La pronuncia venne solo in parte riformata dalla Corte d'Appello di Milano che limitò il risarcimento del danno al pagamento dell'indennità pari alle retribuzioni dal licenziamento al 30 settembre 2002.

Né il giudice di primo grado né la Corte territoriale, dunque, hanno tenuto conto del fatto che la condotta fortemente lesiva nei confronti dell’azienda venne reiterata dalla lavoratrice anche dopo la sospensione cautelare comminata dalla Società e durante la quale ella aveva più volte tentato contatti con il personale al fine di propagare le proprie illazioni.

Tutto ciò è stato, per l’appunto, oggetto di censura da parte del Supremo Collegio.

Come sopraesposto, infatti, secondo la Corte, qualora nel corso del rapporto il datore di lavoro si trovi a dover contestare al prestatore diversi episodi, questi non possono che essere valutati globalmente. Ed anzi, proprio la loro molteplicità è da considerarsi come prova di un potenziale futuro inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore.

A ciò si aggiunga che la valutazione circa la legittimità o meno del licenziamento per giusta causa va eseguita da giudice alla stregua di numerosi elementi, quali:

  • la natura e della qualità del rapporto di lavoro;
  • la posizione delle parti;
  • l'oggetto delle mansioni ed il grado di affidamento che queste richiedono.

Detti elementi rappresentano i criteri necessari cui fare riferimento per stabilire se ed in che “misura” l’ inadempimento contrattuale del lavoratore abbia leso la fiducia del datore di lavoro, minando irrimediabilmente la futura correttezza dell'adempimento.

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 4 di 19

Notizie flash

REGISTRAZIONE SITO AILF

VI INVITIAMO A REGISTRARVI PER POTER USUFRUIRE DI TUTTI I SERVIZI MESSI A DISPOSIZIONE!!!

E' SUFFICIENTE CLICCARE SUL LINK DI REGISTRAZIONE, IN BASSO A SINISTRA NELLA HOME PAGE

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

Ultimi Articoli




Ultime notizie

I più letti


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.