Didattica

Cerca

Login

IAFN

Iscriviti alla nostra News Letter

Home Risorse Materiale interessante dall' Associazione Tutto quello che serve sapere sulle visite fiscali - Novità 2016
Tutto quello che serve sapere sulle visite fiscali - Novità 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio di Presidenza AIILF   
Lunedì 07 Marzo 2016 09:42

Delle visite fiscali ne avevamo già parlato in questi 2 articoli:

Obbligo di reperibilità durante la malattia

Solo una visita fiscale per ogni certificato

Viste le numero richieste che ci giungono, rispondiamo ampiamente a molteplici dubbi su questo istituto.

Non sono andato a lavoro per malattia: è sufficiente telefonare per avvertire?
Per avvertire l’azienda dell’assenza per malattia è sufficiente anche una telefonata. Ci si dovrà recare dal proprio medico curante per il certificato di malattia, che lui stesso trasmetterà all’Inps per via telematica.

Devo spedire il certificato medico?
No, né all’Inps, né al proprio datore di lavoro, in quanto lo stesso è inviato telematicamente dal medico curante. Dall'azienda può essere richiesto telefonicamente il numero di protocollo del certificato.

Il mio medico non c'è, come faccio per il certificato?
Il lavoratore può richiedere la certificazione alla Guardia Medica(solo per turni notturni o festivi) o ad altro medico convenzionato col Servizio Sanitario Nazionale(SSN).

Serve il certificato anche per i ricoveri ospedalieri?
Si. Ma anche in questo caso sarà la struttura ad inviare per via telematica il certificato all'INPS ed alla azienda.

Per i dipendenti del settore privato il medico fiscale può arrivare dal primo giorno di malattia?
Non esiste una normativa che impedisce che Il medico fiscale possa procedere ad accertamenti sanitari sin dal primo giorno di assenza. Pertanto, anche se le probabilità non sono altissime (poiché non sono molti i controlli a campione effettuati dall’Inps, e poiché le aziende del settore privato devono pagare la visita di tasca propria), non è escluso che si possa ricevere la visita fiscale dal primo giorno di malattia, anche se festivo.

E nel pubblico? Si può ricevere la visita fiscale dal primo giorno di malattia?
Si. Anzi, essa è (o meglio sarebbe) obbligatoria fin dal primo giorno in caso di assenze contigue a giorni liberi (anche di ferie o di permesso) o festivi.

Il medico fiscale può venire anche nei festivi?
Le visita fiscali possono essere effettuate anche nelle domeniche e nelle giornate festive per tutti i lavoratori, pubblici e privati.

Quali sono gli orari della visita fiscale?
Per gli Statali ed il personale degli Enti Locali, le fasce orarie di reperibilità vanno dalle 9:00 alle 13:00, e dalle 15:00 alle 18:00, ogni giorno della settimana.
Anche per i dipendenti privati la visita può avvenire in qualsiasi giorno, ma le fasce orarie sono diverse: dalle 10:00 , sino alle 12:00 e dalle 17:00 sino alle 19:00.

Se mi ammalo durante le ferie?
La malattia interrompe le ferie in tutti i casi in cui impedisca il godimento delle stesse. Se la patologia trae giovamento dalle ferie, come stress psicofisico, sindrome ansioso-depressiva, cefalea, ecc, NON interrompe le ferie stesse. Sarà, eventualmente, il medico a valutare l’opportunità dell’interruzione o meno delle ferie.

Mi sono ammalato prima delle ferie, posso farle?
non sussiste alcun obbligo di riprendere servizio a seguito del termine della malattia, se le ferie sono concordate.

Sono in maternità anticipata per gravidanza a rischio: devo essere reperibile per la visita fiscale?
La lavoratrice in astensione per gravidanza a rischio è esonerata dalla visita fiscale.

E' prevista la visita fiscale anche per gli infortuni sul lavoro o in itinere?
No. Gli infortuni sul lavoro o in itinere sono esclusi dalla visita fiscale.

Sono invalido per causa di servizio, e spesso sono assente per curarmi: devo essere reperibile per la visita fiscale?
Il lavoratore invalido per causa di servizio è esonerato dalla visita fiscale, sia per le necessarie terapie, sia per assenze legate alla patologia stessa per cui è stata riconosciuta l'invalidità.

Sono uscito per gravi motivi e mentre ero fuori è passata la visita fiscale: che cosa mi succederà?
Il dipendente può assentarsi dal proprio domicilio, nelle fasce orarie di reperibilità, per evitare gravi conseguenze per sé o per la famiglia, o per sottoporsi a terapie, cure, visite mediche ed analisi. Nel caso dell’acquisito in farmacia, qualora il medicinale occorresse con urgenza, ed il lavoratore dimostri che nessun altro avrebbe potuto acquistarlo al posto suo, la sanzione non verrà irrogata: dovrà però esibire un’attestazione (vale anche lo scontrino della farmacia).

Non ho potuto aprire la porta al medico fiscale perché in casa non c’era nessuno e stavo troppo male per alzarmi: a cosa vado incontro?
Situazioni del genere capitano molto di frequente, e sono stati oggetto di numerose sentenze: purtroppo, nonostante l’esistenza di alcune sentenze a favore, l’orientamento generale tende a non giustificare ipotesi simili, seguendo il principio per il quale il lavoratore è tenuto a predisporre tutti gli accorgimenti possibili per consentire l’accesso al medico.

Sono in malattia ma ho dovuto cambiare domicilio: devo comunicarlo?
Il dipendente in malattia, in caso di cambio di domicilio, è tenuto a comunicare tempestivamente il nuovo indirizzo al datore di lavoro, e per fax alla sede INPS. Questo vale anche in caso di ricovero in ospedale intervenuto nel corso di una malattia.

Ho avuto una ricaduta: devo rifare il certificato medico? Sono esonerato dalla visita fiscale, visto che è già passata?
Il lavoratore che abbia avuto una ricaduta della malattia, entro due giorni dalla nuova assenza, dovrà richiedere un nuovo certificato, che il medico invierà telematicamente all’Inps: la procedura prevista è la medesima dell’evento morboso principale, dunque dovrà rendersi reperibile un’altra volta per la visita fiscale.

 

Notizie flash

PUBBLICAZIONE MATERIALE

INVIATECI I VOSTRI ARTICOLI, TESINE, ELABORATI, IDEE, TESI DI LAUREA O DI MASTER, PROGETTI!!!

SAREMO FELICI DI PUBBLICARLI SUL SITO!!

IL MATERIALE DA PUBBLICARE VA INVIATO, INSIEME AD UN BREVISSIMO CURRICULUM DI PRESENTAZIONE, AL SEGUENTE INDIRIZZO: vicepresidente@ailf.eu

Ultimi Articoli





Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.