Didattica

Cerca

Login

IAFN

Iscriviti alla nostra News Letter

Home Notizie Notizie del 16 aprile - 1942, nasce il Codice Civile.
Notizie del 16 aprile - 1942, nasce il Codice Civile. PDF Stampa E-mail
Scritto da Eugenio Cortigiano   
Martedì 16 Aprile 2013 18:06


 

Abusi su figlie guardando film porno. A processo padre cinquantenne. Le bambine hanno 4 e 8 anni

Faceva guardare film porno alle figlie di 4 e 8 anni e ne abusava chiedendo loro di imitare quanto avveniva sullo schermo. E' l'accusa per la quale un cinquantenne della provincia di Firenze verra' processato.

Secondo quanto ricostruito dalla procura, gli abusi sono durati cinque anni, dal 2007 al 2012. Per l'accusa, l'uomo approfittava dell'assenza di casa della moglie, una straniera, per abusare delle figlie, minacciandole poi perche' non raccontassero nulla.


 

Droga: azzerata gang a Palermo, nuova mappa dello spaccio in tempo crisi

Lo spaccio in tempo di crisi, tra nuove mappe dello smercio della droga e tagli ai prezzi. I poliziotti della sezione Antidroga della Squadra mobile di Palermo hanno sgominato un'organizzazione criminale dedita alla vendita in grande stile di hashish e cocaina.

Otto le persone finite nella rete della polizia. L'operazione, denominata "Sambuca", ha fatto emergere come anche lo spaccio di stupefacenti abbia risentito, in periodo di crisi economica, di un inevitabile ridimensionamento dei prezzi. Cosi' era di 50 euro al grammo il costo della cocaina e e di 8-10 euro quello dell'hashish.

I poliziotti hanno ridisegnato la mappa dello spaccio cittadino, localizzato lungo i quartieri di Ballaro', del Villaggio Santa Rosalia e della Zisa.

Risultati che sono l'esito di un'indagine durata un anno e mezzo e frutto degli spunti investigativi offerti dalle indicazioni di una fonte confidenziale, ritenuta molto attendibile.

Si sono cosi' acquisiti elementi di prova a carico di soggetti gia' noti per i loro precedenti specifici, azzerando l'intero gruppo criminale individuato e sottraendo al mercato della droga numerosi panetti di cocaina e hashish.


 

Psicologia: se gruppo e' numeroso meno amicizie interrazziali

Piu' vasto e' il gruppo considerato, minori sonno le probabilita' che si sviluppino amicizie interrazziali. La ricerca della University of Michigan e' stata pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Lo studio ha esaminato come la grandezza di una comunita' influenza le scelte di amicizia dei singoli individui. Gli scienziati hanno esaminato la questione usando modelli teorici di simulazione e dati reali relativi a 4745 studenti delle scuole superiori americane. I risultati hanno mostrato che quando i gruppi sociali sono piccoli, esiste una probabilita' bassa che nasca un'amicizia fra due persone della stessa etnia. Ma non appena le dimensioni totali del gruppo crescono, aumenta la probabilita' che una persona si scelga come amico qualcuno che appartenga alla propria etnia. I modelli includevano fattori preferenziali nella scelta come istruzione, eta', personalita', affiliazione religiosa, convinzioni politiche.


 

Diabete, parla italiano il nuovo modello mondiale di cura

Il nuovo modello per il trattamento del diabete di tipo 2 messo a punto dall'International diabetes federation (Idf), organizzazione con sede a Bruxelles, ricalca il modello italiano sviluppato due anni fa dall'Associazione medici diabetologi (Amd), per curare “su misura” i diversi profili di persona con diabete. La presentazione è avvenuta oggi in anteprima mondiale a Roma. Antonio Ceriello, vicepresidente dell'Amd, due anni fa mise a punto, insieme a un gruppo di colleghi italiani, un modello - definito tecnicamente “algoritmo terapeutico” - che, basandosi sulle caratteristiche di età, durata della malattia, fattori di rischio e complicanze aveva identificato diversi profili di malattia, da sottoporre a schemi di cura personalizzati. In Italia è già stato sperimentato, validato e trasformato in un software disponibile per tutti i medici sul sito Amd. Due anni dopo, l'algoritmo italiano ha ispirato e profondamente caratterizzato l'analogo strumento messo a punto dall’International diabetes federation, l'organizzazione internazionale che raccoglie le società scientifiche e le associazioni di volontariato attive nella lotta al diabete. Lo stesso Ceriello è stato il coordinatore del gruppo di lavoro internazionale appositamente costituito da Idf. Il gruppo di lavoro era composto da una ventina di esperti e includeva altri due italiani, già membri del gruppo di esperti dell'algoritmo Amd: Alberto De Micheli e Marco Gallo. Lo stesso Ceriello, in occasione della presentazione di oggi, ha segnalato l’interesse dell'Unione europea: “Partendo dall’esempio del diabete, riconosciuto come prototipo di malattia cronica, abbiamo proposto alla Ue, insieme ad altri esperti, di studiare simili modelli da applicare, ad esempio, alle malattie cardiovascolari o alla broncopneumopatia cronica ostruttiva”. (Red)

SCHEDA / CHE COS’E’ L’AMD

L’Associazione medici diabetologi (Amd) è stata costituta nel 1974. Con oltre 2000 iscritti è la più grande associazione scientifica della diabetologia italiana. Affiliata all'International diabetes federation (Idf), Amd promuove la diffusione sul territorio di strutture idonee alla prevenzione, diagnosi e cura del diabete mellito; si occupa della qualificazione professionale e dell’aggiornamento culturale del personale sanitario operante in tali strutture; si adopera perché la diabetologia e la figura del medico diabetologo acquisiscano e mantengano la loro autonomia dal punto di vista didattico e clinico e costituiscano il principale punto di riferimento nella cura del paziente diabetico. L’Amd promuove la ricerca in campo diabetologico, clinico e terapeutico e collabora con le altre istituzioni che hanno finalità e interessi comuni.


 

Cassazione: si' a indennizzo per infezioni da emodialisi

Via libera all'indennizzo per le infezioni contratte con l'emodialisi. L'ok arriva dalla Cassazione che, sposando una pronuncia della Corte Costituzionale del 2002, inverte la giurisprudenza in base alla quale fino ad ora non era previsto un indennizzo per chi contraeva l'epatite da emodialisi fatto salvo il risarcimento da contagio a carico della struttura ospedaliera.


 

Milano, bambina di undici anni si strozza con il guinzaglio del cane: in coma

L'incidente è accaduto nei pressi di una giostra ai giardini di via Cerkovo, zona Quarto Oggiaro. La piccola è ricoverata al Niguarda, la prognosi è riservata.

Si strozza con il guinzaglio del cane una bambina di undici anni. E' successo ieri sera a Milano, ai giardini di via Cerkovo, zona Quarto Oggiaro. La diagnosi un principio di soffocamento. La dinamica dell'incidente è incerta. Stando alle ricostruzioni è probabile che la piccola stesse giocando con il guinzaglio nei pressi di una giostra quando sarebbe rimasta presa nel laccio senza più riuscire a divincolarsene. L'ambulanza ha trasportato la bimba in codice rosso all'ospedale di Milano Niguarda.

Ora la bambina è ricoverata nel reparto di neurorianimazione in coma farmacologico ed è sottoposta a trattamento ipotermico. La prognosi, come si legge nel bollettino medico dell'ospedale, è riservata.


Salute: sistema cura delle dipendenze patologiche eccellenza italiana

Non solo droga, ma anche nuove forme di dipendenza, con 300.000 i pazienti gestiti ogni anno nel nostro Paese, 8 dei quali, su 10, soddisfatti del percorso di cura seguito. Un modello di intervento pubblico-privato che ha il proprio fulcro nei SerT e che, a fronte di ogni euro investito, ne porta oltre 6 di risparmio.

E' un'eccellenza italiana quelle delle cure per le dipendenze patologiche, che si confronta in questi anni con profonde trasformazioni: la comparsa di nuove sostanze e il diffondersi di nuovi utilizzi per sostanze gia' note, il policonsumo, la dipendenza legata a comportamenti (ad esempio il Gioco d'Azzardo Patologico o Internet) e i mutamenti nel profilo degli stessi pazienti eroinomani.

''Spiccano i consumi problematici di oppiacei, di alcolici e di psicostimolanti, in particolare il tabacco e la cocaina, oltre al forte incremento del Gioco d'Azzardo Patologico'', evidenzia Augusto Consoli, Direttore del Dipartimento di Patologia delle Dipendenze C. Olivenstein ASLTO 2 di Torino e membro del Consiglio Direttivo SITD (Societa' Italiana per le TossicoDipendenze), ''rispetto al consumo di oppiacei e' da segnalare la riduzione dell'assunzione di eroina per via iniettiva a favore di un'assunzione per via inalatoria. Di particolare importanza e', inoltre, il fenomeno spesso sottovalutato, se non ignorato, del consumo di psicofarmaci prescritti e non prescritti''.

La risposta terapeutica arriva dai SerT (o SerD), i Servizi pubblici per le dipendenze, nei quali operano oltre 7.000 professionisti con varie specializzazioni. La continuita' assistenziale e' garantita per mezzo di una rete realizzata con altre strutture sia del SSN, sia con gli Enti Locali, le Comunita' Terapeutiche, la Scuola, la Prefettura, il Volontariato. I 550 presenti sul territorio lavorano in modo multidisciplinare con compiti di prevenzione, accoglienza, diagnosi e cura, coordinati a livello di rete territoriale dai Dipartimenti delle Dipendenze. E i dati mostrano come l'89% dei pazienti affermi di essere entrato in contatto facilmente con i servizi del proprio territorio e l'80% si dica soddisfatto del percorso di cura che sta seguendo al loro interno. Secondo i dati FeDerSerD, nel 2010 le cure erogate hanno prodotto almeno 34 milioni di giorni liberi da droga e un miliardo e 700 milioni di euro sottratti alla criminalita' organizzata. ''Un tema cruciale e', in effetti, quello dei costi del sistema di cura'', afferma Alfio Lucchini, Direttore Dipartimento Dipendenze ASL Milano 2 e Presidente nazionale FeDerSerD, ''possiamo dire di avere un'incidenza pari allo 0,7% del Fondo Sanitario Nazionale e allo 0,06% del PIL, contro costi sociali legati alle droghe pari al 2% del PIL. E in queste cifre non e' compreso il Gioco d'Azzardo Patologico. A fronte di un investimento di poco piu' di un miliardo di euro, il sistema di intervento si valuta porti ad un risparmio superiore ai 6 miliardi, in termini di mancato acquisto di droghe e reddito di lavoro acquisito. Le buone cure portano quindi a 6 euro di beneficio per ogni euro investito. La societa', prima ancora delle Istituzioni, deve cogliere da tutto questo la rilevanza dei Servizi, la necessita' di potenziarli e specializzarli sempre piu', di considerarli una grande risorsa non solo per la cura delle persone, ma anche per la difesa della legalita' nel nostro Paese''.


 

Bullismo: aumentano i casi sulla rete. Fenomeno in crescita, il 30% ne e' vittima, ma prevale l'omerta'

Il bullismo e' una forma di abuso di potere. Il 60 per cento dei bulli rischia, in eta' adulta, di diventare un delinquente, di avere esperienze carcerarie, e di fare uso di droghe e di alcol. Ma a preoccupare di piu', perche' in continua crescita, e' il fenomeno del cyberbullismo: secondo uno studio presentato oggi a Napoli il 30% dei ragazzi intervistati dichiara di esserne gia' stato vittima.

Le nuove tendenze sono emerse nel corso di un incontro a Citta' della Scienza.

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Aprile 2013 18:07
 

Notizie flash

AGGIORNAMENTO SITO

BENVENUTI!

IL SITO E' IN COSTANTE AGGIORNAMENTO!!

OGNI GIORNO VENGONO PUBBLICATI NUOVI ARTICOLI E PROPOSTE CHE TROVERETE, IN PARTICOLARE, NELLA SEZIONE "RISORSE"

Ultimi Articoli





Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.