Didattica

Cerca

Login

IAFN

Iscriviti alla nostra News Letter

Home
Cassazione Civile – (responsabilità medica: il paziente deve dedurre una inadempienza “vestita”) PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Eugenio Cortigiano   
Giovedì 09 Gennaio 2014 14:25

La Corte di Cassazione, nel decidere sull’impugnazione di una sentenza d’appello con la quale era stata rigettata la domanda di risarcimento del danno per una presunta ipotesi di responsabilità medica, ha evidenziato un importante principio in materia.

Nelle cause di responsabilità professionale medica, il paziente non può limitarsi ad allegare un inadempimento, quale che esso sia, ma deve dedurre l'esistenza di una inadempienza, per così dire, vestita, astrattamente efficiente, cioè, alla produzione del danno, di talché, solo quando lo sforzo

probatorio dell'attore consenta di ritenere dimostrato il contratto (o contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia, con l'allegazione di qualificate inadempienze in tesi idonee a porsi come causa o concausa del danno, scatterà l'onere del convenuto di dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia può essergli mosso, o che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non ha avuto alcuna incidenza eziologica nella produzione del danno.

[Avv. Ennio Grassini – www.dirittosanitario.net]

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Gennaio 2014 14:50
 

Ultimi Articoli





Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.